Josè Mourinho si racconta: “La mia voglia di vincere non finirà mai”

Josè Mourinho Josè Mourinho - Foto LiveMedia/Ettore Griffoni

L’impresa più difficile? Per me è impossibile scegliere. Ogni vittoria è speciale e ogni trofeo unico a suo modo”. Lo dice Josè Mourinho, primo allenatore della storia ad aver vinto tutti e tre i trofei europei Uefa in attività. La Champions League (Inter, Porto), la Coppa Uefa/Europa League (Porto, Manchester Utd) e la Conference League con la Roma. La sua Roma, che vuole vincere ancora: “La mia voglia di farlo non finirà mai“, spiega Mou in un’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport. L’allenatore portoghese si dice “fortunato” ad aver vissuto a Milano e Roma, “i due centri nevralgici dell’Italia”.Milano è il motore dell’economia del Paese, mentre Roma è il centro del potere politico e, si può dire, il museo all’aria aperta della storia italiana. Mi ritengo fortunato ad avere avuto la possibilità di vivere in entrambe le città”, aggiunge. Javier Zanetti è vice presidente nerazzurro, Francesco Totti invece è ancora fuori dalla Roma. “Non esiste questo problema. Francesco è sempre stato e sempre sarà un simbolo della Roma qualsiasi cosa succeda e indipendentemente da quello che deciderà di fare nella sua vita”, conclude Mou.