Inter, Marotta: “Gratificante decidere il destino della Juventus, Paratici mi ha deluso umanamente”

Beppe Marotta - Foto Nazionale Calcio CC BY 2.0

Il dirigente dell’Inter Beppe Marotta ha rilasciato un’intervista a “Tuttosport“, parlando del suo presente in nerazzurro ma anche del suo passato in bianconero: “Lo scudetto vinto non è una rivincita con i bianconeri. Quell’esperienza mi ha dato tanto e sono rimasto in buoni rapporti con tutti ad eccezione di una persona, ovvero Fabio Paratici. Ci tengo a precisare che si è trattato per motivi umani e non professionali. Non mi aspettavo certe decisioni ma le ho accettate come ho sempre fatto – ha spiegato Marotta – Il bello dello sport? Presentarsi a Torino da campioni d’Italie e decidere il destino della Juventus il 15 maggio“.

Infine, l’ad dell’Inter si è espresso in merito al suo futuro: “Mi sento di escludere un ritorno in bianconero. Non ho mai ricevuto richieste e non ho mai preso in considerazione questa possibilità. Penso solamente all’Inter e al ciclo di successo che vogliamo aprire. Conte è una garanzia, il migliore. Non si vincono cinque titoli in dieci anni per caso“.