Inter-Juventus, Inzaghi: “Non ci fermiamo più se un avversario rimane a terra”

Matteo Darmian e Simone Inzaghi Matteo Darmian e Simone Inzaghi - Foto Antonio Fraioli

Il tecnico dell’Inter, Simone Inzaghi, alla vigilia del match contro la Juventus valevole per la nona giornata di Serie A 2021/2022, ha parlato in conferenza stampa: “Il campionato è agli inizi, quella di domani è una gara importantissima tra due squadre molto competitive. Noi siamo consapevoli e avremo anche i nostri tifosi a fianco. Dovremo fare una grandissima gara. Allegri dice che siamo i favoriti? Se lo dice lui, un tecnico che stimo tanto, fa piacere. Io potrei dire lo stesso di loro, del Napoli, del Milan e non solo. Noi vogliamo essere protagonisti e cercheremo di fare del nostro meglio. Dopo Roma abbiamo parlato tanto, avevamo deciso che dalla prossima partita avremmo continuato a giocare se un nostro avversario fosse rimasto giù. La Lazio è organizzata e con giocatori di grande rapidità, domani abbiamo un’altra grandissima possibilità per reagire”.

la Juventus è una nostra rivale storica, dovremo essere bravi a far nostra la partita. Loro hanno recuperato tutti gli effettivi, arrivano da buonissimi risultati perciò servirà grande attenzione. Abbiamo sempre tenuto il campo e perso solo due partite pur giocando molto bene, anche meritando un risultato diverso. A Genova con un uomo in meno continuavamo ad attaccare. Il cammino è buono, abbiamo un attimo rallentato ma siamo consapevoli ed esprimiamo un ottimo calcio. Proveremo a migliorare e a essere sempre più squadra. Abbiamo reso semplice la partita contro lo Sheriff che aveva battuto Real Madrid e Shakhtar e si presentava da prima del girone. Abbiamo lavorato per domani perché conosciamo la forza del nostro avversario”

Hanno recuperato Morata e Dybala. Siamo concentrati sulle nostre certezze sapendo che ci vorrà corsa, grinta e determinazione. Vidal? In Champions ha fatto la partita che volevo come Gagliardini contro la Lazio. Stanno anche rientrando Calhanoglu e Sensi, ad oggi manca Correa che cercheremo di averlo per Empoli. A Roma non era ancora libero nei movimenti, sta facendo questi ultimi quattro giorni di lavoro a parte. Bonucci ha detto che l’Inter ha vinto lo scudetto più per demeriti della Juventus? Non ho letto. Mi sono concentrato sulle ultime partite della Juventus. E’ stata la mia unica preoccupazione perché incontreremo un avversario di grandissimo valore”