Inter, i nuovi scalpitano: probabili novità alla ripresa del campionato

Diego Godin - Foto Ailura - CC-BY-SA-3.0 AT Diego Godin - Foto Ailura - CC-BY-SA-3.0 AT

Dopo aver iniziato con due vittorie nelle prime due partite, l’Inter di Antonio Conte ha tutta l’intenzione di proseguire questo trend alla ripresa del campionato, con i nerazzurri che ospiteranno l’Udinese sabato sera alle 20.45. Momento positivo dei giocatori dell’Inter che è continuato anche nelle rispettive Nazionali: con l’Italia, ad esempio, Sensi ha confermato quanto di buono ha fatto vedere contro Lecce e Cagliari, e anche Barella ha sfornato prestazioni importanti, soprattutto contro la Finlandia, e si candida ad un posto da titolare per la partita di sabato sera, dove è facile prevedere qualche cambio rispetto agli undici schierati nelle prime due giornate di campionato.

C’è curiosità nel vedere come, e quando, Antonio Conte riuscirà ad inserire anche gli altri nuovi arrivati: contro l’Udinese, infatti, si potrebbe vedere per la prima volta il trio difensivo “titolare”, con l’inserimento di Godin insieme a De Vrij e Skriniar. Ma le attenzioni sono rivolte per la maggiore all’attacco, dove Alexis Sanchez potrebbe debuttare dal primo minuto contro la squadra che lo ha di fatto lanciato nel calcio che conta: nella corsa alla titolarità, però, il cileno dovrà vedersela con Lautaro Martinez, che rilancia pesantemente la sua candidatura dal primo minuto contro l’Udinese, dopo la tripletta rifilata al Messico con la sua Argentina; l’ex Racing, però, tornerà in giornata dal Sud America, e potrebbe quindi essere lasciato a riposo. Sicuro del posto è invece Romelu Lukaku, che ha messo a segno due gol in due partite, in campionato, ed ha trovato la via della rete anche con la Nazionale.

Tra i tifosi interisti c’è poi molta curiosità anche nei confronti di Valentino Lazaro: l’esterno austriaco è partito titolare in entrambe le partite (contro Lettonia e Polonia) con la sua Nazionale durante la sosta, e non vede l’ora di disputare i suoi primi minuti con la maglia nerazzurra. Cosa che non dovrebbe avvenire questo sabato, ma, con il tour de force ormai imminente, la sua occasione arriverà presto.