Habemus Locatelli! Allegri sorride per l’arrivo dell’uomo d’ordine che aspettava

Massimiliano Allegri - Foto Antonio Fraioli

Una trattativa lunga, quasi interminabile, ma impossibile da immaginare con un finale diverso. I tifosi juventini sognavano l’arrivo di Manuel Locatelli per rinforzare un centrocampista anello debole delle ultime stagioni, il talento lombardo non aveva occhi che per la Vecchia Signora. Ha rifiutato l’Arsenal e ogni altra destinazione per realizzare “il sogno da bambino”.

Allegri da tempo aveva espresso la sua preferenza per quel ragazzo conosciuto quando allenava il Milan e diventato grande al Sassuolo sotto la scuola di De Zerbi. Proprio Sassuolo e Juventus furono le squadre a cui Manuel segnò i due gol che lo lanciarono tra le stelle nascenti del nostro campionato.

Rispetto a quegli anni, anche difficili come quello dell’addio al Milan, Locatelli è diventato un giocatore completo, bravissimo nelle due fasi. L’anno scorso è stato il primo nella serie A per palle toccate, passaggi completati e tackle riusciti, sintomo di come oltre a dare del tu al pallone non è uno che si tira indietro in fase difensiva, qualità molto apprezzata dal tecnico livornese della Juve.

Per quanto riguarda la posizione in campo, il ragazzo ha finora dato il meglio di sé in un centrocampo a due, dove ha assunto spesso il ruolo da regista, non disdegnando incursioni nella metà campo avversaria. Gli inserimenti e la conclusione in porta sono caratteristiche in suo possesso, spesso abbandonate, con tanto di ramanzine di De Zerbi, per dedicarsi ad un maggior lavoro in costruzione e rottura, ma come si è visto in nazionale quest’estate, il gol è nel suo DNA.

Nel centrocampo a tre, con cui la Juve partirà in questa stagione, può giocare indistintamente in tutti i ruoli. In partenza potrebbe occupare quello di vertice basso davanti la difesa, perché nell’attuale rosa bianconera le sue caratteristiche sono quelle che meglio si sposano con quella il ruolo di “volante”. Con un’aggiunta dal mercato, potrebbero per lui spalancarsi le porte da intermedio, posizione, secondo le prime indiscrezioni, in cui Allegri lo vede meglio.

Sarà sicuramente una Juventus rinforzata per aver acquistato il giocatore più costante, in termini di crescita, nelle ultime stagioni di Serie A, ma soprattutto perché oltre le qualità tecniche, scenderà in campo un uomo pronto a dar tutto per la maglia come solo chi scende in campo per la squadra del cuore può fare.