Fiorentina, Pradé: “Sono fiducioso, siamo secondi a poche squadre. Mercato? Ne parleremo”

Curva Fiorentina I tifosi della Fiorentina - Foto Antonio Fraioli

“Sportivamente è stato un anno di ricostruzione, in cui finalmente siamo liberi da tante situazioni contrattuali che ci pesavano a livello economico. Non è stato fantastico, come ha detto ieri il presidente, perché forse non si è raggiunta la sufficienza. Sono comunque fiducioso su quello che ci può dare la squadra”. Così Daniele Pradè, direttore sportivo della Fiorentina, ha fatto il punto in merito al rendimento del club alla fine del 2020 tramite i canali ufficiali della società viola. “Il 2021 inizia con alle spalle una grande vittoria a Torino, in cui la squadra ha dimostrato cuore. Che era quello che mancava perchè a livello tecnico siamo secondi a poche squadre. Non saremo ancora pronti per i vertici, ma non meritiamo di stare dove stiamo – ha proseguito il ds – Mercato? Dobbiamo prendere decisioni con l’allenatore, ne abbiamo già preso di forti. È stata data fiducia a un ragazzo, giovane, che ci sta mettendo grinta, che è Vlahovic. Quindi oggi un Milik o un Piatek non sarebbe giusto andarli a prendere, anche se farebbero comodo andrebbero a ostacolare la sua crescita. Kouamè? Lo abbiamo aspettato tanto, ha iniziato alla grande. Sappiamo poi che ci sono dei giocatori scontenti e li accontenteremo trovando loro una soluzione, a cominciare da Patrick (Cutrone, ndr)”. Infine, Pradé ha voluto rassicurare i tifosi in merito al futuro: “Ai nostri tifosi dico di essere sereni. Abbiamo una società fortissima e un presidente che vuole fare grandi cose. Ora Cesare Prandelli ci deve dare serenità e la sua esperienza, la sua conoscenza di Firenze. È un allenatore che ha dimostrato il suo valore e noi puntiamo su di lui. Ci metteremo tutti noi stessi per far sì che le cose vadano bene e che la Fiorentina sia una squadra competitiva“, ha concluso.