Calcio, Castellacci: “Si gioca troppo: ormai alla salute non si pensa più”

Federico Dimarco e Felipe Anderson Federico Dimarco e Felipe Anderson

Enrico Castellacci ha parlato ai microfoni di Radio Punto Nuovo. L’ex medico della Nazionale italiana di calcio si è soffermato in particolare sul tema infortuni. Queste le sue parole: “Mi sembra stano si faccia questa bagarre solo ora che sono infortunati tutti questi giocatori. Sono mesi che si fa presente da parte dei medici del calcio il rischio. Si gioca troppo spesso, ogni tre giorni tra gare nazionali e internazionali. Mi sembra non ci sia da parte della Fifa e Uefa consapevolezza dei rischi dei giocatori, alla salute non ci pensa più nessuno. Solo business. Hanno inventato la Nations League, altre manifestazioni che portano solo problemi”.

“Noi medici del calcio 2-3 mesi fa abbiamo iniziato a segnalare il problema. O si entra nella mentalità o si accetta il problema, con panchine lunghe. Questa situazione si è venuta a creare ultimamente. Sappiamo perfettamente che stress del genere comportano problemi. Molte squadre sono in queste situazioni e non bisogna meravigliarsi. I tempi di recupero sono fisiologici, Uefa e Fifa non possono cambiarli, né tantomeno si possono cambiare i metodi d’allenamento. Io mi sforzo di dire che quest’allarme è già stato lanciato. Oggi ci ritroviamo con questi infortuni, possono cambiare le sorti del campionato ed emerge un problema rilevante, che si era pulito ultimamente”.