Cagliari-Inter, Gravina: “Cori razzisti a Lukaku sono un fatto grave, rendiamo più stringenti le sanzioni”

Gabriele Gravina Gabriele Gravina - Foto Sportface

“Cori razzisti a Lukaku? Sono un fatto grave a prescindere dal numero di quanti li hanno intonati, e la Federcalcio si sente impegnata a rendere più stringenti e di più rapida applicazione le sanzioni previste perché quanto accaduto ieri sera a Cagliari è grave a prescindere dal numero di quanti fossero i colpevoli di quei beceri cori razzisti”. Questo il pensiero del presidente della Figc, Gabriele Gravina, all’indomani dei cori razzisti rivolti a Romelu Lukaku nel momento di andare a calciare il rigore in Cagliari-Inter, match valevole per la seconda giornata del campionato di Serie A 2019/2020. “Non voglio entrare nell’ambito di pertinenza della Giustizia Sportiva che procederà in autonomia nel rispetto delle norme – ha aggiunto il numero uno del calcio italiano all’Ansa –  ma l’immagine offerta del calcio italiano non rispecchia i valori del nostro mondo, per questo la mia condanna è a prescindere dall’esito dell’indagine. Evidentemente mi tocca constatare che, in attesa che il percorso educativo iniziato con dei progetti mirati nelle scuole inizi dare i suoi frutti, dobbiamo rendere ancora più stringenti e di rapida applicazione le sanzioni previste per contrastare questa ingiustificabile deriva”.