Cagliari, Giulini litiga con Caressa: “Ci hai fatto un’infamata”. E abbandona l’intervista

Fabio Caressa - Foto Sky

Se mi parli della Salernitana, penso che la cosa più giusta sia fare i complimenti al club. Il presidente Iervolino ha avuto il coraggio di rilevare la società in una situazione complicatissima e la squadra è riuscita a fare un filotto incredibile che adesso li vede salvi al posto nostro. Questa retrocessione del Cagliari viene da lontano, abbiamo provato dopo la cessione di Barella a fare un salto in avanti e alzare le nostre ambizioni; abbiamo preso giocatori importanti e alzato il monte ingaggi, probabilmente questa strategia non ha assolutamente pagato e ci ha portato a distanza di tre anni a questa amarissima retrocessione. Non posso far altro che scusarmi. Abbiamo provato a prendere due allenatori importanti come Di Francesco e Mazzarri, questo tentativo di alzare il livello non ha pagato e ci ha portato a questa amarissima giornata. Vendita del club? Ho vissuto momenti duri in passato quando è mancato mio padre, ci siamo risollevati dopo una retrocessione. Gli shock della mia vita mi hanno segnato che dalle cose brutte si riparte sempre. C’è un’amarezza tremenda, ma anche questa volta si ripartirà. Le indiscrezioni fanno male: sono false e sono arrivate all’inizio della settimana più importante dell’anno. Un po’ di gente non ci ha voluto bene in questa settimana, ma i ragazzi non si sono fatti influenzare. Questa sera e questa stagione sono state maledette, ripartiremo da un’altra categoria a testa alta. Caressa, a te non rispondo perché tu sei il primo a farci un’infamata settimana scorsa, lo sai benissimo. Hai detto, senza verificare, che il Cagliari stava passando di proprietà. Avresti potuto verificare. Queste le parole di un infuriato Tommaso Giulini, nel post-partita di Venezia-Cagliari. Il presidente della compagine isolana, dopo la retrocessione della sua società, ha proposto un’analisi lucida sulla sfida letale agli isolani; dopo ciò, è partito un attacco diretto a Fabio Caressa, il quale aveva posto al presidente cagliaritano una domanda sulla stagione rossoblu. Dopo un breve battibecco, Giulini ha abbandonato l’intervista ai microfoni di Sky Sport.