Pescara, Sebastiani sulle plusvalenze con la Juventus: “Noi eravamo e siamo tranquilli”

Daniele Sebastiani, presidente del Pescara - foto da YouTube

Il presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, ha parlato del coinvolgimento del club nelle indagini sulle plusvalenze della Juventus. Queste le parole del numero uno degli abruzzesi, nel corso di un’intervista a Calciomercato.com: “E’ una sorpresa per tutti. Ma c’è questa situazione della Juventus, ci sta che si voglia rimettere mano a questa storia. Noi eravamo e siamo tranquilli. Questa cosa riguarda le operazioni con la Juventus. Ci devono spiegare quali sono le anomalie. Noi abbiamo incassato soldi e bonus, non c’è stato scambio di figurine”.

Poi ha aggiunto: “Anche in passato ci sono state contestate delle cose, come Mancuso, ma noi su quelle operazioni ci abbiamo preso bonus, percentuali di rivendita. Bisogna entrare nel merito di ogni operazione. Sono tranquillo per quanto riguarda le mie. Stamattina con il legale ho letto le cose che saranno contestate. Riguarda soprattutto Brunori. Se uno non può più vendere neanche i propri giocatori. Se uno mi dice ‘Brunori non valeva niente e abbiamo dato due milioni e otto’ vuol dire che non capisce niente”.