Roma, Spinazzola: “Ho chiesto io a Mancini di non convocarmi”

Leonardo Spinazzola Leonardo Spinazzola - Foto LiveMedia/Fabrizio Corradetti

“Quella di non andare a Coverciano è stata una scelta mia che il mister Mancini ha capito e mi ha concesso questi dieci giorni per rimettermi in forma e fare lavori specifici per il polpaccio”. Parole dell’esterno della Roma, Leonardo Spinazzola, che si è espresso sui canali del club giallorosso parlando della scelta di restare a Trigoria a lavorare individualmente invece di aggregarsi alla nazionale. “Penso che il mio sia uno degli infortuni peggiori per un calciatore, soprattutto viste le mie caratteristiche. Mi manca ancora un po’ di appoggio e velocità”, prosegue parlando del suo recupero. Il giocatore giallorosso si concede con un passaggio sulla vittoria della Conference League: “Dopo la finale vinta ci siamo detti: ‘sapremo cosa abbiamo fatto solo quando ritorneremo a Roma’. E quel giorno è stata una liberazione dopo un anno incredibile, è stata la chiusura di un cerchio”. Spinazzola conclude l’intervista parlando di mister Mourinho: “Siamo tutti con lui, qualsiasi cosa dice la facciamo.  Se ci dicesse di fare la guerra, la faremmo”.