Italia, Mancini e la Chiesa: “Sono credente, spero di essere un buon educatore”

Roberto Mancini - fotomenis.it

Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna“. Queste le parole di Roberto Mancini, ct dell’Italia, intervistato da “A sua immagine” su Raiuno. “Spero di essere stato un buon educatore per i miei calciatori. Oggi la gente vuole tutto e subito, ma nella mia carriera sono stato circondato da persone che hanno avuto pazienza con me. Perciò dico che bisogna saper aspettare e cerco di essere molto paziente con i miei ragazzi. In questi giorni di Europei mi sento di dire che la passione è molto importante. Ciò che conta davvero nella vita però è l’amore“.