Italia a caccia dell’ottimismo: una vittoria in Ungheria per chiudere un 2022 orribile

Roberto Mancini Roberto Mancini, Italia - Foto LiveMedia/Luca Rossini

La ferita della mancata partecipazione ai Mondiali resta aperta e non si può cancellare, ma un 2022 orribile per la Nazionale, che prima a Palermo è stata estromessa dalla coppa del mondo in Qatar, quindi sconfitta con l’Argentina la Finalissima tra le vincitrici dei tornei continentali più prestigiosi, infine reduce dalla scoppola con la Germania e da altre prestazioni sottotono, può essere lenito e trasformarsi in un finale all’insegna del sorriso. C’è solo un modo per farlo, è battere l’Ungheria e qualificarsi per il secondo anno di fila alle Final Four di Nations League. Competizione inutile, è vero, ma è pur sempre un trofeo da mettere in bacheca. Proprio con la sconfitta nelle scorse Finals per mano della Spagna, peraltro giocate in casa, è iniziato il piccolo grande dramma azzurro: un mese dopo arrivava il pareggio con la Svizzera che ci costringeva ai playoff, quindi è storia quanto successo nel primo semestre di quest’anno.

PROGRAMMA E TELECRONISTI

Adesso, però, spira un vento nuovo, un vento di ottimismo nel futuro. Manca un po’ di qualità, con Immobile out si riduce ulteriormente il peso specifico in attacco, ma c’è una certezza: il ct Mancini sta proseguendo nel suo lavoro, spesso ostacolato e complicato, di talent scout laddove i club non riescono a fare emergere buoni giocatori, sta allargando la platea dei convocati, e soprattutto con la vittoria contro l’Inghilterra ha dimostrato che possiamo tornare ai livelli che ci hanno permesso di laurearci campioni d’Europa. Contro i magiari lunedì sera a Budapest sarà durissima, perché loro hanno 10 punti, hanno battuto la Germania e l’Inghilterra, giocano per due risultati su tre. E in panchina c’è l’italianissimo Marco Rossi, che non vuole smettere di stupire con l’Ungheria migliore da decenni a questa parte. Ma ai nostri cugini, almeno nei colori della bandiera, chiediamo strada per le Final Four e per riscattare un’intera annata. La Nazionale deve farsi e fare questo regalo, e guarderemo i Mondiali dal divano ma con un po’ meno di depressione.