Lotta scudetto: Napoli e Juventus, è una questione a due

Massimiliano Allegri - Juventus 2015/2016 - fotomenis.it
La sfida scudetto sembra ormai una questione a due tra Napoli e Juve. I partenopei possono contare su un Higuain inarrestabile, 23 gol in 23 partite e in Sarri, condottiero silenzioso della squadra. Allegri invece si affida a un organico determinato, che dopo una partenza falsa ha trovato continuità (13 vittorie consecutive) e il sinistro più caldo d’Europa Dybala che ha bucato la rete avversaria ben 12 volte.
Il Napoli ha un vantaggio di soli due punti sulla Vecchia Signora che nel mese di febbraio incontrerà in campionato rispettivamente Frosinone, Napoli, Bologna e Inter e in mezzo ha anche gli ottavi di Champions League contro il Bayern Monaco il 23 febbraio. Fuori casa sia con il Frosinone e il Bologna sembrano partite all’apparenza facili ma i ciociari stanno lottando con il coltello fra i denti per la salvezza e in casa ha conquistato la maggior parte dei suoi punti. Il Bologna invece con la cura Donadoni ha trovato una buona forma e bomber Destro in casa ha già segnato 7 volte. Partite all’apparenza facili, ma da non sottovalutare. Avversario ostico sarà l’Inter nel derby d’Italia che dopo i 3 gol subiti in Coppa Italia vorrà assolutamente rifarsi. Di sicuro la sfida allo Juventus Stadium con il Napoli sarà una battaglia all’ultimo sangue, dove sbagliare è vietato e la vittoria potrebbe essere un passo in più verso la vittoria finale.
Il calendario di febbraio sorride meno al Napoli che dovrà affrontare in ordine: Carpi, Juventus, Milan e Fiorentina e anche l’impegno europeo con il Villareal. Con il Carpi vale lo stesso discorso del Frosinone per la Juve, partita che non deve essere sottovaluta dalla squadra di Sarri. Dopodiché il Napoli incontrerà 3 partite difficilissime. Oltre alla sfida decisiva con i bianconeri, i partenopei incontreranno il Diavolo e la Viola entrambe motivatissime a non sbagliare per restare nella scia europea, sognando anche qualcosa di più. Il Napoli sta mostrando un calcio bellissimo e i giocatori la davanti (Insigne, Higuain e Callejon) farebbero paura a qualsiasi difesa, ma forse a non quella bianconera che ha la migliore retroguardia del campionato. Nessuna delle due compagini potrà permettersi errori nel prossimo mese e il match allo Juventus Stadium del 13 febbraio potrebbe risultare decisivo per lo scudetto.
About the Author /

A 6 anni i primi calci a un pallone, a 12 le prime pedalate in sella a una Bianchi e non ci è voluto molto a capire che quelli erano i miei due mondi e che avrei dovuto raccontarli, scrivendo i gol dei campioni e le imprese degli eroi su due ruote. A 20 anni mi ritrovo a studiare presso la facoltà di Scienze della Comunicazione a Bologna