Roma-Betis, Manuel Pellegrini: “Nessun conto pendente con Mourinho”

“Non c’è nessun conto pendente da saldare”. Così Manuel Pellegrini, tecnico del Betis, parla di Josè Mourinho, tecnico della Roma, alla vigilia del match dell’Olimpico in Europa League. “Non c’è nessun brutto rapporto. Anche nelle mie dichiarazioni del passato c’è solo ammirazione per lui, ci siamo confrontati in Spagna e in Inghilterra per molto tempo, ma sempre in maniera corretta. Non ci sono problemi tra noi”. Meglio parlare della partita e del suo Betis che arriva all’Olimpico in un buon momento, nonostante l’ultima sconfitta a Vigo”. E sulla sfida: “E’ una partita importante, ma non decisiva per motivi matematici, visto che nessuna delle due squadre può ancora qualificarsi – spiega l’allenatore cileno -. Speriamo sia una bella partita tra due squadre importanti”.

Sulla condizione dei giocatori: “I ragazzi sono tutti disponibili. Fekir ha potuto giocare al massimo 45 minuti contro il Celta, ma non avrà problemi contro la Roma – spiega -. Noi giocheremo come sempre per dare il 100% e ottenere il massimo, ma di fronte abbiamo un rivale che può batterci. Per noi vincere vorrebbe dire portare a casa tre punti molto importanti che ci avvicinerebbero alla qualificazione, ma al di là di questo noi non giochiamo mai per il pareggio. Poi fare un punto contro una buona squadra che gioca in casa non sarebbe un dramma e manterrebbe le distanze in classifica, ma noi puntiamo al massimo e vogliamo dare una gioia ai tanti tifosi che ci seguiranno all’Olimpico. Siamo felici di averli con noi, speriamo di potergli dedicare la vittoria”. Poi su Dybala, “è uno dei tanti giocatori importanti che ha la Roma. Hanno investito tanti soldi e hanno costruito una squadra competitiva e con tanti bravi calciatori”.

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio