Rangers, Van Bronckhorst: “Cavalcata incredibile, ma finale bella solo se vinci”

Europa League Logo Europa League - Uefa.com
Abbiamo fatto una cavalcata incredibile e sarà una finale fantastica. Ma la finale è bella solo quando la vinci“. Lo ha detto Giovanni Van Bronckhorst, allenatore dei Glasgow Rangers, che a Siviglia giocherà la finale di Europa League. Il tecnico olandese è consapevole delle difficoltà, ma bisogna crederci per coronare il sogno. “L’umore è molto buono e siamo molto entusiasti di giocare in questa finale. Ci siamo preparati molto bene e siamo pronti per domani” ha aggiunto Van Bronckhorst alla vigilia dell’atto conclusivo contro l’Eintracht Francoforte.

Ho vinto cinque trofei in quattro anni al Feyenoord, ma qui è diverso – ha sottolineato l’allenatore olandese -. È un club in cui ho giocato per tre anni negli anni Novanta e ora sono orgoglioso di guidare i ragazzi in finale. È un’enorme opportunità per ottenere un titolo importante in Europa“. L’ex calciatore del Barcellona conosce bene le squadre tedesche: “Vedo molte somiglianze con Dortmund e Lipsia. Sono molto ben organizzati e giocano con lo stesso sistema del Lipsia, sono veloci in transizione e possono essere abbastanza pericolosi“.

FRANCOFORTE – Il tecnico si sofferma proprio sugli avversari: “Meritano di essere in finale per le grandi prestazioni fatte contro il Barcellona e il West Ham. Anche loro sono qui perché lo meritano. Si affrontano due club con una grande storia e due tifoserie fedelissime, sarà una finale entusiasmante. Giocheremo sui nostri punti di forza e il giusto equilibrio per avere maggiori chance“.

TROFEI – In Spagna ha vinto la Champions con il Barcellona da calciatore, ma vincere un’altra competizione europea da allenatore per il tecnico dei Rangers “significherebbe tanto. Dobbiamo concentrarci sul nostro gioco, sapendo che avremo la spinta dei nostri tifosi. Viaggiano con noi ovunque andiamo. Ci danno molta energia e domani sarà lo stesso, saranno un fattore come lo sono a Ibrox. Speriamo di farli felici“. “Io sono fiducioso e la mia squadra sa che può giocarsela con chiunque” ha concluso il tecnico olandese.