Lazio-Marsiglia, Sarri: “Contro l’Inter ho visto di tutto: il mio dito dev’essere molto minaccioso”

Maurizio Sarri, Lazio 2021-2022 Maurizio Sarri, Lazio 2021-2022 - Foto Antonio Fraioli

Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Marsiglia, la terza sfida dei gironi dell’Europa League 2021/2022. Per i biancocelesti è arrivato il momento di stringere i denti soprattutto dopo un match dispendioso come quello di sabato sera contro l’Inter di Inzaghi: “L’Europa League con il calendario attuale diventa una manifestazione quasi impossibile. Vediamo come stanno i ragazzi. Il problema sarà relativo per questa partita ma si presenterà per la prossima”. Sulle condizioni di Immobile: “Difficile pensare ad una gestione preordinata per un giocatore di questa importanza. Il ragazzo sta bene ma dobbiamo valutare volta per volta”.

Sarri dà il meglio di sè quando gli viene chiesto di dare una sua valutazione sulla gestione del post partita contro i nerazzurri sabato sera: “Sono entrato a campo a fine partita contro i rossoneri dove ho ripreso Saelmaekers e sono stato squalificato. Contro i nerazzurri ho visto di tutto ma nemmeno un cartellino rosso. Credo che la colpa è del mio dito, dev’essere estremamente minaccioso. Non voglio però pensare ad altro se non alla sfortuna. Sarebbe triste pensare a cose diverse dalla sfortuna solamente perchè adesso sono alla guida della Lazio. I nostri arbitri sono grossi e palestrati ma molto spesso il loro atteggiamento è troppo indisponente nei nostri confronti”.

Sulla partita di domani: “Domani dobbiamo dimostrare continuità e non reazione. Siamo stati bravi contro l’Inter a gestire bene quei dieci minuti di difficoltà. Dal punto di vista mentale dobbiamo dimostrare di poter reggere per più partite di fila, dal punto di vista fisico estremamente difficile ripetere la prestazione contro i nerazzurri”. Infine un commento su Zaccagni: “Non ha bisogno di rilanciarsi. Contro l’Inter ha fatto un grande ingresso”.

RIVIVI LA CONFERENZA DI SARRI E FELIPE ANDERSON

Le parole di Felipe Anderson: “Sabato sono uscito dispiaciuto dopo la sostituzione. Non voglio mai fare polemica e mi è dispiaciuto. Domani adesso è una nuova partita e mentalmente sto bene. Per due giorni sono stato molto male ma ora è tutto passato. Devo andare avanti a testa alta e pensare alla sfida di domani. Mi sento molto migliorato e pronto per fare un salto di qualità insieme a tutta la squadra. Se posso aiutarla con il mio contributo sarò felicissimo ma quello che conta sono i miei compagni”.

“Sarri mi ha dato molta fiducia. Mi fa giocare e questo per un giocatore è fondamentale per avere continuità. Sto lavorando tranquillo e consapevole di poter fare grandi cose. Nessun rancore verso Simone Inzaghi. Sono contento che stia facendo il suo percorso all’Inter. Segnare però è sempre speciale. Il Marsiglia? Come ha detto il mister sono una squadra molto fisica e pericolosa. Dovremo stare attenti. Questo gruppo è una famiglia e penso che in campo lo si possa notare. Mi hanno sostenuto tanto e sono molto fiero di far parte di questa squadra. Sto provando a fare del mio meglio e sono pronto per sbloccarmi anche in Europa League”.