Atalanta-Lipsia, Gasperini: “Passare non deve essere un obbligo: è un’opportunità”

Gian Piero Gasperini - Foto Antonio Fraioli

Gian Piero Gasperini ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Atalanta-Lipsia, ritorno dei quarti di finale dell’Europa League 2021/2022. Questa l’analisi del tecnico bergamasco: “Loro sono un avversario pericoloso, non devi mai lasciare campo a nessuno. Entrambi dobbiamo vincere, domani deve uscire un vincitore, non so se nei 90′ o nei 120′, ma proveremo a vincere. Non posso prevedere cosa succederà domani, parliamo di due squadre che domani vogliono vincere. Superare il turno vuol dire arrivare in semifinale, sarebbe un traguardo fantastico. Anche all’andata c’è stata attenzione, quando si arriva a questo punto le partite sono piuttosto equilibrate”.

 Il campionato può influenzare giunti a questo punto della competizione? “È una cosa comune a tante squadre, a partire dal Villarreal che ieri ha fatto un’impresa grandiosa. Anche le altre pagano le partite del giovedì, ma anche in campionato possiamo giocare per i posti in Europa. Se andiamo avanti l’Europa League diventerà priorità, se usciremo c’è ancora tempo per rientrare”. Così ha proseguito Gasperini: “Domani è un quarto di finale di una competizione europea, credo che raggiungere la semifinale sarebbe un traguardo importantissimo, raggiunto pochissime volte dalle squadre italiane. Due anni fa eravamo a un minuto dalla semifinale di Champions, quello è stato il momento più in alto in Europa che raggiunto. Se arriveremo in semifinale raggiungeremo un obiettivo che rimarrà scritto. E ricordato”. 

Il tecnico però ci va cauto con le percentuali: “Toloi non è recuperabile, Djimsiti e Freuler vedremo oggi. Dico ancora 50 e 50 per quello che ho visto, all’andata potevamo vincere noi o il Lipsia, credo che le percentuali rimangano le stesse, domani avremo un grande entusiasmo alle spalle”Portare a casa la coppa sarebbe un sogno: “È molto difficile per le squadre come l’Atalanta vincere, la vittoria dell’Europa League non deve essere un obbligo. È un’opportunità. Pensiamo a superare questo turno e andare più avanti possibile, ma per quanto fatto fino ad adesso abbiamo già vinto tanto”. 

Tedesco ha detto che in Italia si gioca diversamente: “Qui c’è varietà di gioco, trovi squadre che attendono o aggrediscono. Ma succede anche in Germania, il Lipsia gioca diversamente dal Bayer Leverkusen o dal Bayern Monaco”. Contro il Lipsia servirà tanta intensità: “Sarà una delle armi, non l’unica. Dobbiamo giocare con qualità e tecnica, dobbiamo sfruttare i nostri momenti. Vedendo le gare di Champions ho visto dei ribaltoni incredibili, come Bayern-Villarreal. Serve un altro tipo di prestazione rispetto al campionato”. Infine una battuta su Zapata: “A livello di testa non ha mai avuto problemi, ha superato i problemi fisici, è un giocatore recuperato, lo ha dimostrato in queste partite”.