Malore Eriksen, Braithwaite racconta: “Potevo solo rivolgermi a Dio”

I drammatici interminabili minuti del malore di Eriksen a Euro 2020 resteranno scolpiti nella memoria di tutti e soprattutto in quella dei suoi compagni. Tra questi, c’è Martin Braithwaite. Il calciatore danese ha raccontato i pensieri passati nella sua testa durante quei momenti concitati. “I più brutti della mia vita – rivela a nyheder24 -. Quando l’ho visto, ho iniziato a pregare. Ho sentito che l’unica cosa da fare in quel momento era rivolgermi a Dio. Avevamo tutti i medici al lavoro e quell’immagine non volevo che nessuno la vedesse. Quello che è successo quella notte ha scioccato molte persone”.

About the Author /

Classe 1992, studente di Giurisprudenza e diplomato al Conservatorio con il sogno del giornalismo. Amo lo sport a 360°, anche perché il mio paesino da 17.000 abitanti ha cresciuto un calciatore di Serie A e della nazionale come Legrottaglie, una medaglia olimpica di volley come Mastrangelo, e l'ormai certezza della marcia Palmisano. E poi ci sono io, mancato numero 1 Atp, cui rimedio sproloquiando come redattore anche su Tennis World Italia