ESCLUSIVA – Roberto De Andrade: “Paquetà può scrivere la storia. Brazao un talento”

Lucas Paquetá - Foto Agencia de Noticias - CC-BY-SA-2.0 Lucas Paquetá - Foto Agencia de Noticias - CC-BY-SA-2.0

Un déjà-vu, oppure semplicemente un ritorno di fiamma per il Brasile. Si tratta di un gennaio all’insegna del verdeoro quello che sta animando la sessione di calciomercato invernale, quella che di solito serve ai club per correggere errori commessi in estate o semplicemente per programmare il futuro e rinforzare la rosa in prospettiva. Ed è su quest’ultima linea di pensiero che le big italiane hanno deciso di muoversi. Il Milan ha chiuso e ufficializzato Lucas Paquetà, l’Inter sembra vicina al giovanissimo portiere Brazao del Cruzeiro mentre la Roma tratta il difensore Iago Maidana del San Paolo. L’Italia riscopre il mercato verdeoro e Sportface.it ha intervistato Roberto Queiroz De Andrade, intermediario Fifa e soprattutto esperto di calcio brasiliano.

Trentacinque milioni di euro più bonus spesi dal Milan per Paquetà. Secondo lei è pronto per la Serie A?

Non ho la sfera di cristallo per prevedere il futuro ma credo che Paquetà sia pronto per giocare in ogni top club europeo. Guardo spesso le partite di Premier League, Liga e Serie A e non vedo questa grande differenza tra il calcio europeo e quello brasiliano per caratteristiche, come qualche giornalista lascia intendere. La scorsa notte ho visto la partita tra Manchester City e Liverpool e 1/3 dei calciatori in campo erano brasiliani.

Se dovesse presentare Paquetà ad un tifoso del Milan, come lo descriverebbe? 

I tifosi del Milan lo ameranno perché è un calciatore fantastico che sa emozionare con la palla tra i piedi. Mi ricorda Kaka e se la gestione del suo talento sarà diversa da quella riservata a Gabigol nell’Inter potrà scrivere il suo nome nella storia del club rossonero.

A proposito di Inter, il club nerazzurro sembra interessato al giovanissimo portiere Brazao.

Si tratta di un ottimo giovane portiere. Lui ha fatto la trafila con la Nazionale U15, poi l’U17 e ora ha le sue chance da giocarsi con l’U20 il Sudamericano di categoria. Penso tra l’altro che, nonostante l’191 cm, possa ancora crescere d’altezza. In ambito portieri il Brasile ha ottimi giocatori, come Fabio che è un altro ottimo giocatore. I club brasiliani dovrebbero scommettere sui propri giovani talentuosi. Ne segnalo uno: Juninho dello Sport Recife ma non è l’unico ad avere un futuro promettente.

La Roma ha bisogno di un centrale di difesa e sta pensando a Iago Maidana. Crede sia all’altezza per una big italiana?

Ha l’altezza che il suo ruolo richiede, negli ultimi anni ha mostrato un grande potenziale di crescita e spero possa migliorare e diventare uno dei centrali top del Brasile. Gli auguro le migliori fortune.

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio