Napoli, nessun boom di contagi due settimane dopo la festa per la Coppa Italia

Festa Napoli Festa Napoli - Foto Antonio Fraioli

Assembramenti e sport, un connubio inevitabile che sembra essere tale anche quando si gioca a porte chiuse. Dopo il successo del Napoli in Coppa Italia, aspre sono state le critiche verso i sostenitori partenopei con Ranieri Guerra, vice direttore aggiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità che aveva commentato. “Sciagurati, ricordatevi di Atalanta-Valencia. Fa male vedere queste immagini. Ricordo quanto ha contato la partita dell’Atalanta all’inizio dell’epidemia in Lombardia nella diffusione dei contagi. Non vorrei che si ripetesse proprio ora“. A seguire anche la grande polemica tra il governatore della Regione Campania, Vincezo De Luca Matteo Salvini. Due settimane dopo la festa però, con eccezione del focolaio di Mondragone subito circoscritto, Napoli non ha ravvisato un’impennata dei casi di coronavirus. Un’altra cosa che ha fatto storcere il naso a cittadini partenopei, è la festa dei tifosi del Benevento per la Serie A; i sostenitori giallorossi sui social non hanno infatti accusato la stessa gogna mediatica.