Basket Eurolega, Messina: “Serve un esame di coscienza”

Ettore Messina - Foto: olimpiamilano.com

“L’Efes ha giocato una partita di grande personalità, su ambedue le estremità del campo, soprattutto ha giocato una grande partita difensiva, non ci ha mai permesso di prendere alcun vantaggio e anche quando abbiamo costruito dei tiri aperti li abbiamo sbagliati”. Queste le parole del coach dell’Olimpia Milano, Ettore Messina, dopo la pesante sconfitta dell’Olimpia Milano in gara 1 dei playoff di Eurolega contro l’Anadolu Efes. “E’ stata una serata complicata, aggravata dall’infortunio al polpaccio di Nik Melli. Lo rivaluteremo domani, ma non promette nulla di buono. In ogni caso, abbiamo un’altra partita in due giorni e faremo tutto quello che riusciremo a fare per provare a vincerla, non credo sia il momento di gettare la croce addosso a qualcuno. Tutti hanno giocato male, non solo alcuni. Dopo una partita come questa dobbiamo fare tutti un esame di coscienza, allenatore, staff e ogni giocatore. Qualcuno ha giocato meno male di altri, ma come squadra dobbiamo migliorare. In difesa è chiaro che abbiamo commesso degli errori, ma li notiamo perché abbiamo fatto talmente tanta fatica in attacco da pagarli un prezzo alto. In realtà, loro sono una squadra da 83 punti di media, oggi ne hanno fatti 64. Non e’ stato quello il problema”, conclude Ettore Messina. (AGI)Sp2/Sim