Basket, Eurocup 2019/2020: Venezia cade contro la Lokomotiv Kuban

Austin Daye, Reyer Venezia 2017-2018 - Foto "fiba.basketball"

La Lokomotiv Kuban batte l’Umana Reyer Venezia con il punteggio di 77-63 nella seconda giornata del gruppo B di Eurocup 2019/2020. I lagunari sono in partita per due periodi prima di perdere contatto nel terzo periodo contro i russi di coach Banchi che dopo il K.O della prima giornata di sono rilanciati. Nella squadra di casa protagonista Dekker con 15 punti seguito da Cummings e Kulagin a 14. Nella Reyer sono 14 i punti di Daye

RECAP – Due canestri di Tonut sbloccano il tabellino della Reyer che ha un buono spunto in particolare per quanto riguarda la difesa. Le giocate individuali però mettono in moto la Lokomotiv che con con un gioco da tre di Dekker impatta l’8-8. Dopo poco più di cinque minuti scade il bonus della squadra di De Raffaele che per frenare l’offensiva avversaria ricorre troppo ai falli. Dopo un paio di minuti buoni la difesa di Venezia inizia a soffrire, in particolare sotto le plance dove crescono invece i russi. Il team di Banchi infila un parziale di 9-0 che vale il +6 (14-8). Le marcature di Udanoh e Chappell riportano a contatto la squadra italiana che viene però riallontanata con cinque punti di O’Bryant nel finale di periodo (19-14). Al primo riposo per i lagunari incide in negativo lo 0/5 dall’arco.

Il marchio di Chappell sul primo canestro del nuovo quarto vale il nuovo -3 per la Reyer che non vuole perdere il treno (19-16). Nel quarto minuto della frazione una tripla di Watt e due di Vidmar valgono la parità e costringono Banchi al time-out (23-23). Da qui si inizia a segnare meno, Venezia mette avanti la testa per un istante, ma la successiva dormita collettiva permette a Fridzon di ridare il comando ai suoi (27-26). Poco prima della pausa lunga torna in scena Dekker che tocca la doppia cifra personale ed allontana la Reyer al -7 dell’intervallo (38-31). 

RIPRESA – Un gioco da tre di Alan Williams vale il +10 della Lokomotiv al rientro sul parquet (41-31). Dall’altra parte sono fermissime le mani degli interpreti di De Raffaele che si ritrovano sotto di quattordici ed iniziano a perdere seriamente contatto (45-31). Vidmar interrompe l’emorragia dei suoi e nella seconda parte di periodo diventa il perno principale della Reyer che a due minuti dalla conclusione del quarto torna a -5 (51-46). Nel finale di quarto un mini break di 5-0 vale il nuovo +8 Lokomotiv (56-48). Nel quarto conclusivo parte bene la compagine russa che amministra senza grosse difficoltà il punteggio fino alla sirena finale sul 77-63. 

LOKOMOTIV KUBAN-UMANA REYER VENEZIA 77-63 (19-14; 19-17; 18-17; 21-15)

LOKOMOTIV KUBAN: Dekker 15, Cummings 14, Motovilov N.E, Fridzon 5, Apic 6, Kalnietis 6, Ivlev 0, Ilnitskiy 0, Williams 12, Kulagin 14, Gerasimov N.E, O’Bryant 5

REYER VENEZIA: Udanoh 2, Stone 2, Bramos 5, Tonut 10, Daye 14, De Nicolao 3, Filloy 3, Vidmar 9, Chappell 4, Pellegrino N.E, Cerella 0, Watt 11