Kart, il team condanna il saluto nazista del russo Severyukhin: “Interrompiamo il suo contratto”

Breaking News Ultim'ora - Breaking News - GoodManPL (pixabay.com)

Ward Racing, il team svedese di kart per cui il quindicenne russo Artem Severyukhin ha vinto a Portimao, ha preso una netta posizione in merito al saluto nazista denunciato da Nexta TV durante la premiazione sul podio. La squadra, infatti, ha deciso di licenziare il pilota: “Ci vergogniamo profondamente per il comportamento del nostro pilota. Annunciamo la nostra volontà di porre termine al suo contratto per le gare, non ritenendo più possibile continuare la cooperazione con Severyukhin”.

Questa la nota della Ward Racing pubblicata sul proprio profilo Facebook: “In risposta alle azioni personali Ward Racing condanna nei termini più netti possibili e sottolinea di essere un team svedese di proprietà privata che unisce piloti di diverse nazionalità, che corrono sotto licenze di vari Paesi, a titolo personale. Le azioni di Severyukhin durante la cerimonia di premiazione, ieri, erano esclusivamente personali e non rappresentano in alcun modo punti di vista e valori di Ward Racing che, al contrario, condanna con la comunità internazionale l’invasione russa dell’Ucraina ed esprime la propria solidarietà con il suo popolo che soffre a causa di un terrificante attacco ingiustificato.

“Fin dall’inizio, abbiamo manifestato il nostro no alla guerra e, in aggiunta, ospitiamo tre famiglie ucraine che non hanno una casa dove tornare. Come cittadini svedesi siamo inoltre orgogliosi del nostro paese che ha preso la storica decisione di inviare armi all’Ucraina per combattere contro l’esercito russo. E’ la manifestazione di un comportamento antisportivo ed una violazione inaccettabile del codice etico e morale dello sport. Questa presa di posizione è la ferma convinzione di Ward Racing, di tutti i suoi atleti e del suo staff”, ha concluso il team.

L’autore: /

Mi chiamo Daniele Forsinetti, sono nato il 30 novembre 1996 ed ho una grande passione per la maggior parte degli sport. Scrivo per Sportface.it dal marzo 2020 e sogno di diventare un giornalista sportivo.