L’appello di Spadafora: “Riforma dello sport bloccata, scade il 28 febbraio”

Vincenzo Spadafora - Foto profilo Facebook

“La riforma dello sport? Scade il 28 febbraio. Mancano solo 12 giorni. Come sapete l’abbiamo già approvata in Consiglio dei Ministri e ottenuto l’Intesa dalle Regioni. Manca solo il parere delle Commissioni Cultura di Camera e Senato che, anche a causa della crisi di governo, non si sono espresse. Faccio appello ai miei colleghi”. E’ questo l’appello dell’ex ministro dello sport Vincenzo Spadafora, che chiede al nuovo Governo – in cui peraltro manca il ministero dello sport – di convertire definitivamente il testo prima che scada la delega: “Far scadere la delega significherebbe non risolvere il tema del lavoro sportivo, di abbandonare il professionismo femminile, di vietare l’ingresso dei paralimpici nei gruppi militari sportivi e tante altre cose. Approvare i decreti, invece, consente poi di migliorarli con eventuali decreti correttivi ma non dover ricominciare da zero!”.