Basket, NBA: i Rockets battono OKC nel big match, ko Belinelli e Gallinari

di - 6 gennaio 2017
James Harden - Foto Keith Allison CC BY-SA 2.0

Sono 8 le partite NBA giocate nella notte. Primi a scendere in campo Indiana Pacers e Brooklyn Nets, che si affrontano in un incontro a viso aperto, vinto dai primi con un discreto margine. Quindi è stata la volta di Toronto Raptors e Utah Jazz, e anche a trionfare sono stati i padroni di casa, dopo aver risolto non pochi grattacapi. Si sono invece decise negli ultimi secondi Detroit Pistons Charlotte Hornets e il big match Houston Rockets Oklahoma City Thunder, terminati entrambi con le vittorie dei padroni di casa. Successo esterno per gli Atlanta Hawks che vanno ad espugnare New Orleans, sconfiggendo i Pelicans in una partita combattuta. Vincono lontano dalle mura amiche anche San Antonio Spurs e Phoenix Suns che battono, rispettivamente Denver Nuggets e Dallas Mavericks. Nell’ultimo match infine, i Portland Trail Blazers trovano il successo in casa sui Los Angeles Lakers, in una gara giocata punto a punto fino a poco dalla fine.

Indiana Pacers – Brooklyn Nets 121-109

Prima partita della notte è quella della Bankers Life Fieldhouse di Indianapolis tra Pacers e Nets. I padroni di casa prendono costantemente vantaggio durante i primi tre quarti, dove riescono ad essere molto incisivi, soprattutto in attacco, arrivando, alla fine del terzo parziale, con 13 punti di margine sui rivali. Negli ultimi 12 minuti i ragazzi di coach McMillan rifiatano, non andando in attacco con l’acceleratore e lasciando il pallino del gioco in mano agli avversari, non permettendogli tuttavia di rientrare in partita. Alla fine Indiana trova la quarta vittoria consecutiva, chiudendo sul 121-109, un risultato mai in dubbio, visto l’andamento della partita e la netta superiorità su Brooklyn.Tra i giocatori, da segnalare le prove di Paul George, autore di 26 punti, di Myles Turner, in doppia doppia con 25 punti e 15 rimbalzi e di Jeff Teague, anche lui in doppia doppia con 21 punti e 15 assist, a cui ha aggiunto 7 rimbalzi.Per i Nets si salvano Justin Hamilton con 16 marcature e 8 rimbalzi e Trevor Booker, anche lui con 16 punti.

Toronto Raptors – Utah Jazz 101-93

Tornano alla vittoria i Raptors che, nella gara interna dell’Air Canada Center, battono i Jazz in una sfida avvincente. A partire meglio sono infatti gli ospiti che, nei primi 12 di gioco, lasciano pochissimo al temibile attacco canadese, che rimane addirittura sotto i 20 punti segnati, con Utah che vola via a +9. Toronto, pur recuperando quasi tutto lo svantaggio nei due parziali a cavallo dell’intervallo, troverà il primo vantaggio solo a 3 minuti dalla fine, quando, con una serie di 15 punti a 3, attuerà il break decisivo per superare i combattivi avversari che non riusciranno più a mettere la testa davanti. Alla fine il risultato dice 101-93 Raptors e seconda sconfitta consecutiva per i Jazz. Migliore in campo Kyle Lowry con 33 punti, 5 assist e 6 rimbalzi, seguito da DeMar DeRozan con 23 punti e 7 rimbalzi. Doppia doppia da 18 punti e 13 rimbalzi invece per Jonas Valanciunas. Tra gli ospiti, da segnare i 17 punti di Shelvin Mack e i 16 di un Hayward meno decisivo del solito.

Detroit Pistons – Charlotte Hornets 115-114 

Sfida combattutissima quella del Palace of Auburn Hills tra Pistons e Hornets. La gara sembrava ben indirizzata verso i padroni di casa dopo le prime tre frazioni di gioco, con Detroit che prima degli ultimi 12 minuti poteva vantare 15 punti in più rispetto agli avversari, non totalmente in partite. La franchigia del Michigan però tenta il suicidio nell’ultimo parziale, dove concede 44 punti agli avversari, rischiando di perdere ed evitando il supplementare solo grazie a due tiri liberi di Reggie Jackson ad un secondo dalla fine. Condottiero dei Pistons è stato oggi Tobias Harris, con 25 punti, seguito dal già citato Jackson, in doppia doppia con 22 punti e 11 rimbalzi e da Marcus Morris con 20 punti e 10 rimbalzi. Buona anche la prestazione di Boban Marjanovic con 15 punti e 19 rimbalzi. Non bastano, tra le fila degli Hornets, i 32 punti di Kemba Walker e 19 di Marvin Williams. Un po’ in ombra Marco Belinelli, non ancora al meglio, che in 21 minuti ha  totalizzato 5 punti, tutti su tiro libero, tirando 0/6 da due, con un buzzer beater per la vittoria scoccato troppo tardi per essere valido.

Houston Rockets – Oklahoma City Thunder 118-116

Il big match della serata era quello tra Rockets e Thunder al Toyota Center, vinto sul filo del rasoio dai padroni di casa. L’incontro, senza esclusione di colpi, viene controllato da Houston per tre tempi, che arriva all’ultimo parziale con 14 punti di vantaggio. Qui subiscono la rabbiosa rimonta di OKC, capace di rimontare tutto lo svantaggio e di portarsi addirittura avanti ad un minuto dalla fine grazie a due triple consecutive, una di Westbrook e l’altra di Oladipo. 4 liberi(due di Harden e due di Nené) segnati e un paio di tiri sbagliati da Westbrook riportano però la sfida sulla strada dei texani che riescono a chiudere con il punteggio di 118-116, conquistando questo importante successo. Non bastano, agli ospiti, i 49 punti di un Russell Westbrook in versione deluxe per arrivare al vittoria. Sono utilissimi invece i 26 punti, 12 assist e 8 rimbalzi di James Harden, ancora una volta fondamentale per le dinamiche dei suoi. Buona prova anche per Eric Gordon, autore di 22 punti.

Denver Nuggets – San Antonio Spurs 99-127

Sfida senza storia al Pepsi Center tra Nuggets e Spurs. Gli uomini di Popovich hanno dimostrato tutta la loro superiorità andando a vincere su un campo non semplicissimo con grande scioltezza. Denver dura una solo quarto, il primo, che chiude anche in vantaggio, prima di essere travolta da Leonard e compagni nei successivi tre parziali, dove i texani lasciano le briciole ai malcapitati avversari. Alla fine il punteggio dice 99-127, uno scarto che sembra addirittura troppo sottile per quello che si è visto dal 13º minuto in poi. Trascinatore di San Antonio è stato LaMarcus Aldridge con 28 punti, seguito da Kawhi Leonard con 24. Buona anche la gara di Tony Parker con 21 punti e 9 assist e di Pau Gasol con 17 punti e 9 rimbalzi. Tra i padroni di casa, da segnalare la doppia doppia di un Nikola Jokic da 19 punti e 11 rimbalzi. Sottotono Danilo Gallinari che ha messo a referto 15 punti, tirando col 38% dal campo.

Portland Trail Blazers – Los Angeles Lakers 118-109

Bellissima partita al Moda Center tra Blazers e Lakers. L’incontro rimane punto a punto fino a pochi minuti dalla fine, con nessuna delle due franchigie che sembra poter prevalere sull’altra e con il punteggio costantemente in parità. Portland affonda il colpo a 4 minuti dalla fine quando, sotto 99-103, inanella una serie di 15 punti a 3 che indirizza nettamente il match verso la franchigia dell’Oregon che infatti vincerà poco più tardi col punteggio di 118-109. Buona partita della coppia McCollum-Lillard, il primo ha infatti messo a segno 27 punti e 7 assist, mentre il secondo è andato in doppia doppia con 21 punti e 10 assist. Dall’altra parte buona prestazione per D’Angelo Russell con 22 punti e per Jordan Clarkson con 21.

Altre partite:

New Orleans Pelicans – Atlanta Hawks 94-99

Dallas Mavericks – Phoenix Suns 95-102

© riproduzione riservata