F1, GP Silverstone 2017: Hamilton fa la star, Raikkonen sbuffa in sala stampa

di - 17 luglio 2017

Lewis Hamilton si tuffa nel pubblico, viene acclamato dalla folla e si gode il momento da “re” a Silverstone, Kimi Raikkonen e Valtteri Bottas si annoiano in sala stampa. Un quadretto buffo al termine del Gran Premio della Gran Bretagna, decima tappa del Mondiale 2017 della Formula 1.

Il pilota britannico della Mercedes ha dominato la scena prendendosi pole position, vittoria e giro veloce annientando i rivali fin dalla prima curva. Lewis, raggiante dopo il successo, ha dichiarato: “Qualche momento della gara l’ho visto nei maxi schermi. E’ stato strano vedere la gara mentre ne facevo parte. Tutto molto bizzarro, però questo week end andavo così forte“. Spalle larghe e consapevolezza di aver diretto una vera e propria gara d’autore senza mai metter in discussione la sua leadership. Grazie a questi 25 punti, Hamilton si è portato a -1 da Sebastian Vettel, il suo rivale della Ferrari: “Sono contento, eppure tutti mettevano in discussione la mia preparazione – riferendosi all’assenza all’evento ‘London Live’ per riposo e concentrazione – Sono stato travolto dalle emozioni. Grazie a chi mi è stato vicino“.

L’altra faccia della medaglia, invece, l’abbiamo trovata in conferenza stampa. Valtteri Bottas e Kimi Raikkonen in sala stampa trasformata in una vera e propria “sala d’attesa” per via del ritardo di Lewis Hamilton. Atmosfera tutt’altro che festosa per i due finlandesi tra chi sbuffa per la “noia” Valtteri, e chi sbuffa per l’attesa oltre al risultato non soddisfacente, Kimi. Raikkonen, per colpa della gomma forata a 2 giri dal termine, ha dovuto chiudere la gara con 1 pit-stop in più rispetto al programma permettendo la rimonta del connazionale, rivale in Mercedes, dalla nona alla seconda posizione.

Lewis Hamilton ha ripreso le due diverse situazioni con una foto condivisa sul suo profilo Instagram ufficiale: “Scusatemi ragazzi“.

Sorry guys 😂😂😂

Un post condiviso da Lewis Hamilton (@lewishamilton) in data:

© riproduzione riservata