Serie A, 14ᵃ giornata: Inter-Fiorentina 4-2, le pagelle

di - 28 novembre 2016
Mauro Icardi
Mauro Icardi - Inter 2015/2016 - fotomenis.it

A San Siro va in scena Inter-Fiorentina, gara che chiude la quattordicesima giornata di Serie A.  In un match ricco di colpi di scena ed emozioni i nerazzurri calano il poker e archiviano la pratica Fiorentina.

INTER

Handanovic 6
Risponde sempre con la massima attenzione ai tentativi della Fiorentina. Degno di nota il miracolo sul sinistro di Ilicic al 33′. Sul gol di Ilicic ha qualche colpa.

D’Ambrosio 6
In occasione della rete dei toscani perde totalmente di vista Kalinic, lascandogli tutto lo spazio necessario ad andare in gol. Per il resto della gara si muove molto bene in fase di copertura chiudendo gli affondi dell’attacco Viola. Decisivo anche in fase di ripartenza.

Miranda 5.5
Non impeccabile: commette diversi errori di concentrazione, sbagliando anche qualche rilancio. Al 34′ viene graziato dal giudice di gara che non sansiona il suo fallo in area su Rodriguez.

Ranocchia 5.5
Insieme a D’Ambrosio non copre Kalinic in occasione del gol del primo gol degli ospiti. Alterna momenti buoni ad altri meno buoni in cui va in serie difficoltà. Spesso e volentieri quando non riesce ad anticipare gli avversari commette falli anche ingenui.

Ansaldi 6 
Sufficiente la gara dell’argentino che compie entrambi le fasi, aiutando i compagni anche nella manovra offensiva. Meglio nel primo tempo.

Kondogbia 5.5
Prestazione ancora una volta poco convincente, non riesce a trovare la chiave giusta per poter rendersi protagonista di questa Inter. Poco concentrato a volte tanto che Pioli decide di farlo accomodare in panchina al termine del primo tempo. (45′ Joao Mario 5.5 entra in campo proprio nel momento più complicato per i neroazzurri nonostante la superiorità numerica, poco freddo sottoporta).

Candreva 6.5
Primo tempo a dir poco perfetto: oltre alla splendida rete siglata al’9′, l’ex Lazio corre avanti e indietro lungo tutta la fascia rendendosi particolarmente utile anche in fase difensiva. Nel secondo tempo non sfrutta affatto gli spazi concessi da Astori e si limita a fare il compitino. (79′ Eder s.v.)

Brozovic 7
Apre la gara dopo soli tre minuti di gioco con uno splendido destro. E’ instancabile e conferma ancora una volta la sua ottima visione di gioco, è un punto di riferimento per tutta la squadra.

Perisic 6.5
Crea moltissimo nel primo tempo, è senz’altro uno dei migliori fra i nerazzurri. Trova spesso la profondità, riuscendo ad impensierire più di una volta la retroguardia viola. Sul 4-1 realizza una giocata da manuale.

Icardi 7
E’ tra i protagonisti del match: al 19′ firma il 3-0 che avrebbe dovuto dare tranquillità ai nerazzurri e al 91′ chiude la gara battendo Tatarusanu su un fortunoso rimpallo.

Banega 5.5
Non ha ancora la giusta cattiveria e concentrazione. Dopo un discreto primo tempo, torna in campo con poca reattività (69′ Melo 5.5 entra e fa quello che gli riesce meglio: mettere il fisico davanti alle ripartenze degli avversari, a volte esagera però).

All. Pioli 6.5
Con lui in panchina i neroazzurri sembrano aver ritrovato la soluzione per archiviare un avvio di stagione a dir poco disastroso e riaprire il campionato.

FIORENTINA

Tatarusanu 5
Prende quatto gol, qualche responsabilità ce l’ha anche lui.

Salcedo 5.5
Nel primo tempo, così come il resto della difesa, compie troppi errori. Meglio nella ripresa.

Rodriguez 5
Partita sfortunata per il giocatore viola. Si becca un cartellino rosso molto ma molto discutibile sullo scadere del primo tempo.

Astori 6
Partita incerta, alterna fasi in cui appare concentrato ad altre in cui perde di vista le incursioni dei neroazzurri in area.

Milic 5
Abbandona il capo dopo la prima frazione di gioco dopo una prestazione poco brillante in cui non tenta di coprire l’avanzata degli avversari.

Tello 5
Anonimo e opaco, tra i peggiori in campo. Non entra letteralmente in partita. (75′ Perez 6 propositivo e dinamico).

Badelj 6
Bene nel possesso palla e nelle ripartenze che hanno avuto luogo in particolare nel secondo tempo. Uno dei più reattivi e l’ultimo a smettere di crederci. Incisivo nella manovra d’attacco

Borja Valero 6.5
Combatte e non molla in mezzo al campo: è un vero allenatore in campo. Conferma ancora una volta di essere fondamentale per questa Fiorentina. Purtroppo si imbatte in una gara in cui la malasorte ci mette del suo.

Ilicic 6.5
Al 62′ centra lo specchio della porta e riaccende le speranze dei compagni. Nel secondo tempo è una furia in campo, sfortunato in diverse occasioni.

Bernardeschi 5
Prestazione totalmente insufficiente. Troppo egoista in più di una circostanza. (65′ Chiesa 6 Il giovane centra l’atteggiamento giusto. Troppo ruvido in alcune occasioni).

Kalinic 6.5
E’ senza dubbio uno dei migliori tra i viola: al 37′ batte Handanovic e sigla il gol che accorcia le distanze. Per tutta la durata del match va alla ricerca disperata della rete del pareggio.

All. Sousa 5
La stagione della Fiorentina continua ad essere altalenante. Nonostante una buona prestazione i viola non riescono ad agguantare nemmeno il pareggio. La causa della sconfitta serale probabilmente è da rintracciare sia nelle decisioni arbitrali piuttosto discutibili sia nel fatto che gli uomini di Sousa si svegliano troppo tardi.

© riproduzione riservata