Basket, NBA: Westbrook super non basta a OKC, vince ancora Houston

di - 20 aprile 2017
James Harden - Houston Rockets - Official Facebook Page

Altra grande giornata di playoff per quanto riguarda l’NBA.

Al Verizon Center di Washington D.C. aprono le danze Washington Wizards e Atlanta Hawks, in campo per gara 2, con la prima sfida terminata 114-107 in favore dei capitolini. Ancora una volta a prevalere sono i padroni di casa, più concreti degli avversari e più solidi, con gli ospiti che hanno buttato alle ortiche una ghiotta occasione di impattare la serie e di portare il fattore campo a loro favore, essendo stati anche in vantaggio di 6 punti ad inizio quarto periodo, prima di crollare in difesa.

La gara offre emozioni dall’intervallo in poi, quando con gli Wizards in vantaggio di 8 punti, Atlanta diventa improvvisamente una schiacciasassi e, sfruttando anche un blackout avversario, infila un parziale nella terza frazione di 35-23, mettendo così la testa davanti prima del quarto quarto, sul 74-78. Gli ultimi 12 minuti sono uguali, ma a parti invertite. Nel senso che, stavolta 35-23 lo mette a segno Washington che, trascinato da Wall e Beal, riprende la testa e chiude sul 109-101, arrivando alla seconda vittoria nella serie che ora conduce per 2-0.

Come già accennato, protagonisti sono stati John Wall con una prestazione maiuscola da 32 punti, 9 assist e 5 rimbalzi e Bradley Beal con 31 punti a referto. In doppia doppia Marcin Gortat, 14 punti e 10 rimbalzi per lui. A nulla servono per gli Hawks i 27 punti e 10 rimbalzi di Paul Millsap e i 23 punti e 6 assist di Dennis Schröder.

Ci spostiamo ora ad Ovest dove erano in programma 2 incontri. Il primo, quello più atteso, era Houston Rockets contro Oklahoma City Thunder, con questi ultimi chiamati a riscattarsi dopo il pesante passivo subito in gara 1, dove i texani non hanno lasciato spazio ad alcuna velleità, tracimando gli avversari con un pesante +31 finale. Il secondo capitolo di questa saga Harden vs Westbrook, in attesa di conoscere chi sarà l’MVP, è decisamente più combattuto. Che sia diverso rispetto alla volta precedente lo si capisce subito, con OKC che si porta avanti già di 9 punti nel primo quarto.

La rimonta dei Rockets è lenta ma costante, nei due periodi successivi non riescono a portarsi in vantaggio ma recuperano pian piano i punti di distanza e si presentano agli ultimi 12 minuti con solo 3 lunghezze di distanza. Il sorpasso arriva dopo 4 minuti dell’ultimo periodo sul 96-94 e sul 101-100 due minuti dopo i Thunder non riusciranno più a passare in testa, rimanendo vicini, ma cedendo per 115-111.

Almeno a livello statistico, l’attesissimo duello è vinto stavolta da Russell Westbrook che chiude con una tripla doppia monstre da 51 punti, 13 assist e 10 rimbalzi, a cui aggiunge anche 1 stoppata e 4 palle rubate. Harden si ferma “solo” a 35 punti, 8 assist e 4 rimbalzi, giocando comunque alla grande. A fare la differenza è il supporting cast, decisamente migliore per Houston che porta due giocatori oltre i 20 punti, Gordon con 22 e Williams con 21, con Beverley che si ferma a 15 marcature. Dopo Westbrook invece il migliore per gli ospiti è stato Andre Roberson con 12 punti.

Chiude la giornata, gara 2 della sfida tra Golden State Warriors e Portland Trail Blazers. A differenza di gara 1, dove per tre quarti di partita gli ospiti avevano tenuto botta ai vicecampioni NBA, stavolta l’andamento è chiaro fin dalle prime battute. Pur priva di Kevin Durant infatti GSW lascia le briciole agli avversari, partendo subito a raffica e, tranne una piccola flessione nel secondo quarto, accumula sempre più vantaggio, limitando al massimo le scorribande offensive di Lillard e McCollum e facendo, come al solito, la voce grossa in attacco. Il risultato finale è 110-81, un +29 che ben dà l’idea di quale sia stata la differenza tra le 2 franchigie.

I Warriors portano ben 5 giocatori in doppia cifra, con Curry che mette a referto 19 punti, 6 assist e 6 rimbalzi mentre Thompson 16 punti. Buona prova anche per Draymond Green che, a fronte dei solo 6 punti segnati, sforna ben 10 assist e cattura 12 rimbalzi. Tra gli ospiti si salva solo Maurice Harkless con 15 punti e 8 rimbalzi. Male invece Lillard e McCollum fermatisi, rispettivamente, a 12 e 11 punti.

I RISULTATI DELLA NOTTE:
Washington Wizards – Atlanta Hawks 109-101
Houston Rockets – Oklahoma City Thunder 115-111
Golden State Warriors – Portland Trail Blazers 110-81

IL PROGRAMMA DI OGGI:
Indiana Pacers-Cleveland Cavaliers
Milwaukee Bucks-Toronto Raptors
Memphis Grizzlies-San Antonio Spurs

© riproduzione riservata