Basket, Europei 2017, Italia-Serbia 67-83: le pagelle

di - 13 settembre 2017
Niccolò Melli - Foto FIP

Nei quarti di finale degli Europei 2017 la Serbia batte l’Italia col punteggio di 67-83. I serbi hanno ottenuto il successo giocando una grandissima partita in difesa e sfruttando il proprio strapotere fisico. comunque ottimo, al netto delle assenze pesanti, l’europeo degli azzurri che sono costretti ad arrendersi allo strapotere fisico di Marjanovic e tecnico di Bogdanovic e Macvan.

Gli azzurri partono bene, grazie alla solita magnifica difesa e ad un grande inizio di Melli, ma soffrono troppo a rimbalzo e chiudono sotto 17-18 . Nel secondo quarto la situazione si fa drammatica per gli azzurri, soprattutto nel pitturato, e la Serbia scappa, andando sotto 33-44.
Nel terzo periodo l’Italia muove meglio la palla in attacco e prende qualche rimbalzo in più ma, complici le pessime percentuali da 3 e un paio di fischi arbitrali dubbi, resta sotto 48-59. Nell’ultimo quarto la Serbia gestisce e nonostante il risveglio di Belinelli non si lascia mai impensierire dagli azzurri, finisce 67-83 per gli uomini di Djordjevic che sfideranno in semifinale la Russia.

ITALIA

Hackett 6.5 Si sbatte alla grande come sempre in questo Eurobasket, segna anche qualche canestro pesante dimostrandosi un giocatore completamente ritrovato

Belinelli 5.5
Non la sua miglior partita (18 punti ma tirando col 29%), va detto che la difesa serba concentra tutte le sue attenzioni su di lui costringendolo a tirare in condizioni precarie, ma un leader dovrebbe essere più incisivo sin dall’inizio soprattutto in partite come questa e lui stasera non lo è stato

Datome 7
Istanbul è casa sua e si vede, gioca la solita grande partita di cuore e coraggio mettendo anche un paio di canestri da campione vero. E’ il migliore degli azzurri

Melli 5.5
Parte molto bene ma poi viene imbrigliato dai raddoppi della difesa serba, purtroppo sparisce nel momento decisivo facendosi mettere sotto troppo facilmente in difesa e sbagliando tanto in attacco

Aradori 4.5
Nullo in attacco e disastroso in difesa, sbaglia tutte le decisioni chiudendo il suo europeo in maniera pessima

Filloy 5.5
Soffre la fisicità dei serbi e la loro aggressività sul perimetro, non la partita più adatta per un giocatore con le carattestiche dell’argentino

Biligha 6.5
La sua voglia e il suo coraggio portano qualche rimbalzo e qualche punto importante, ottima partita per lui

Cusin 5
Soffre troppo lo strapotere fisico serbo ed è costretto ad uscire spesso dal campo a causa dei falli che commette

Burns 6.5
Entra nel match in maniera splendida, non si fa mai mettere sotto dal gigante Marjanovic grazie ad una prestazione di energia e segna anche un paio di canestri pesanti

Cinciarini s.v

Baldi Rossi s.v

Abass s.v

© riproduzione riservata